Time Gods

Chaahk

Dettagli del vaso di Princeton che anima a rotazione Chaahk che taglia la testa di una vittima.

J_Chaahk 1

Alla rotazione di questo vaso Maya d'epoca classica, Chaahk è animato per far oscillare un'ascia sul collo di una vittima, che si accovaccia ai suoi piedi, spogliata di tutte le sue insegne e con le braccia legate dietro la schiena.

Lo spettacolo è in onore di Dio L, che siede in un'elaborata sala del trono mentre è frequentato da molte belle giovani donne. Contemporaneamente, un coniglio seduto alla base del trono a guardare il sacrificio scrive in un codice coperto di pelle di giaguaro.

Animazione estratta e adattata dalla nave senza 32221. Per gentile concessione del Princeton University Art Museum; acquisto del museo, dono di Hans A. Widenmann, Classe di 1918 e Dorothy Widenmann Foundation.

Dettagli che animano i movimenti della prima coppia.
Dettagli gesti animati della seconda coppia.
Dettagli che animano i movimenti delle singole donne.

J_Chaahk 2

Dettagli di un vaso policromo Maya del periodo classico che anima il movimento di cinque individui che eseguono riti osservati da Chaahk; la divinità porta i capelli nel tipico nodo superiore, è vestita con un perizoma maculato di pelle di giaguaro ed esibisce la maschera grottesca che adotta anche sul Vaso dei Sette Dei (vedi J_Naranjo 1). Chaahk si trova all'interno di una grotta del trono formata dalle fauci spalancate di un grande mostro terrestre con un grande occhio fisso, denti arrotondati e Kaban segni di terra e pietra che ne segnano il corpo; un uccello lamento maculato si appollaia sul dorso della testa, piegando bruscamente il becco per osservare le figure che "si esibiscono" per Chaahk; mentre all'interno della caverna, una testa disincarnata sostituisce il dente posteriore della bestia, sospeso immediatamente sopra tre probabili segni speculari. Chaahk si sporge verso il suo pubblico mentre preme il palmo della mano destra sulla mascella inferiore della fauci e allunga il braccio sinistro e il palmo in avanti in un gesto istruttivo; un grande vaso per bere è posto davanti alle sue ginocchia, il consumo del suo contenuto è probabilmente importante per la cerimonia.

Il pubblico di Chaahk è composto da cinque persone, ciascuna raffigurata due volte e disposta, leggermente sfalsata, su due livelli, uno sopra l'altro. Sul vaso originale, colonne di glifi verticali accompagnano le figure, probabilmente nominandole o descrivendone le azioni. Inoltre, la cerimonia è accompagnata da musica suonata da a tre-man band seduto immediatamente dietro il gruppo. 

Sulla rotazione della ceramica in senso orario, queste figure sono animate per eseguire rituali. La prima coppia, un vecchio seduto davanti a una giovane donna, è eccitato per stringere il loro abbraccio; si siedono dietro un grande vaso in cima al quale è bilanciato un probabile clistere che i Maya usavano per indurre trance. Il vecchio, che inizialmente tocca con la mano destra un glifo posizionato nella colonna immediatamente davanti a sé sul vaso originale, abbassa questa mano per avvolgere entrambe le braccia attorno al suo petto mentre afferra le braccia tese della donna, che si sporge più vicino alla sua schiena. 

La successiva rotazione del vaso anima una donna diversa, parte della seconda coppia di figure, seduta di fronte a un maschio vecchio dall'aspetto ubriaco, senza denti, per sostituire il ventaglio che reggeva nella sua prima rappresentazione con uno specchio; questo eccita molto il vecchio che, con gli occhi spalancati, si sporge in avanti per ispezionare il suo riflesso. Contemporaneamente, il vecchio raccoglie il barattolo posto tra la coppia nella loro prima rappresentazione che probabilmente conteneva la sostanza che lo ha mandato in trance. Inoltre, i capelli della donna si sono aperti, ora scendono a cascata lungo la schiena e il disegno di lei huipil il vestito è cambiato.

Un'ulteriore donna siede dietro le due coppie di figure che svolgono riti inebrianti. Nella sua prima rappresentazione viene mostrata mentre tiene in mano quello che potrebbe essere un sacco, probabilmente contenente anche una droga che consuma dal momento che procede a irrigidire la sua posa e ad allargare gli occhi. Inoltre lei huilpil cambia anche i suoi schemi. Si siede davanti al tre-man band, che suona il sonaglio, un tamburo supportato da Ik' piedi "vento" (il suo suono trasportato dalla forza invisibile del vento) e battere un guscio di tartaruga con corna di cervo. Quest'ultimo, insieme al suo guscio di tartaruga, sembra emergere dalle fauci della terra che sostengono Chaahk; inoltre, l'aspetto dei musicisti corrisponde a quello di Chaahk - probabilmente per indicare la sua orchestrazione soprannaturale della loro musica - in quanto mostrano la stessa acconciatura, maschera grottesca, perizoma di giaguaro e sono associati allo stesso glifo 'testa' (mostrato riverberare immediatamente sopra il tamburo battuto) che appare anche davanti alla divinità nelle colonne dei glifi immediatamente sopra la sua testa (in A3 sul vaso originale). La disposizione dei tre musicisti sul vaso originale, inoltre, crea l'impressione invisibile di loro che ruotano attorno ad un perno centrale (qui sono stati riprodotti fianco a fianco), il che, insieme al loro numero, implica la progressione del tempo ciclico e la nozione Maya di tempo in tre parti che guida il suono della loro musica e le trasformazioni indotte dalla droga degli individui. Inoltre, sul vaso originale le figure poggiano su una fascia di ovali concentrici alternati a croci che gradualmente aumentano di dimensione; provengono dalla parte anteriore della mascella inferiore del trono di Chaahk. Gli ovali descrivono i Maya animale domestico glifo che significa "girare", implicando così il movimento di rotazione e il tempo influenzati dalla rotazione del vaso nelle mani dello spettatore. Il animale domestico glifi si alternano a possono essere croci "cielo", che potrebbero posizionare la cerimonia e la posizione di Chaahk nel cielo.

Animazioni estratte e adattate da Reents-Budet 1994: 256, fig. 6.24.

J_Chaahk 3

Dettagli di un vaso policromo Maya del periodo classico che anima la danza sacrificale di Chaahk. La scena è simile a quella che descrive l'animazione di Chaahk che commette il sacrificio di sé sul Vaso dei Sette Dei (vedere Maya Gods of Time, fig. 3.46).

Girato nella mano dello spettatore in senso antiorario, l'animazione inizia con una rappresentazione frontale di Chaahk, che danza mentre è vestito con un lombo di giaguaro con una lunga coda, alza il tallone destro con entrambe le braccia distese ai lati. La successiva rotazione del vaso rivela il profilo di Chaahk, dopo aver girato alla sua destra, i suoi guanti e stivali di giaguaro rimossi e facendo oscillare un'ascia da 'fiore' nella sua mano sinistra abbassata.

Successivamente, la rotazione del vaso produce il cambiamento più drammatico in Chaahk, ora raffigurato in posizione prostrata, sdraiato sulla schiena, con le braccia legate dietro la schiena da una corda legata a un grande fascio (una Pietra del tempo; vedi Maya Gods of Time) . Ora più bestiale, il corpo di Chaahk si è trasformato, la sua pelle ha assunto le macchie di giaguaro della pelle precedentemente indossata come un perizoma; inoltre, il suo copricapo - nelle due precedenti raffigurazioni che coinvolgono i suoi capelli indossati in un alto nodo superiore e orecchie da giaguaro maculate sormontate da grandi AHAW segni che emettono pergamene biforcute - si è trasformato in una maschera grottesca che si fonde con il suo volto; inoltre, l'incisivo centrale nelle prime due raffigurazioni di Chaahk è stato sostituito da zanne.

Chaahk, che attende il suo sacrificio, sta urlando a gran voce, indicato da un gigantesco rotolo sonoro emesso dalla sua bocca, che riempie l'intero sfondo della scena sul vaso originale; di fronte alla prima rappresentazione frontale di Chaahk, i rotoli sonori rivelano una grande testa che allunga l'altezza del vaso e presenta un lungo naso che ricorda gli Dei del Tempo, il suo grande corpo di scorrimento, inoltre, contrassegnato da più grappoli a tre punti per ricordare allo spettatore di il tempo invisibile che guida il movimento del suono e la trasformazione di Chaahk. Il colore rosso dominante e il tema generale del simbolismo del vaso suggeriscono anche l'imminente sanguinoso sacrificio di Chaahk.

Animazione estratta e adattata da Robicsek e Hales 1981: 116, fig. 17a.

Dettagli del Codice di Madrid che anima Chaahk per sollevare e abbassare una torcia fiammeggiante e un'ascia mentre lo spettatore sfoglia le pagine del libro.

J_Chaahk 4

Ricostruzione delle placche del codice di Madrid da 1 a 7, che mostrano come il codice è stato aperto per presentarne prima uno, poi tre, quindi quattro pagine. La figura Chaahk dipinta di blu nel registro in alto mostra come la sua animazione è stata attivata dal lettore che gira le pagine del codice; qui, guardando tra le piastre 3 e 4, possiamo vedere l'animazione di Chaahk, abbassa la torcia accesa che tiene nella mano sinistra dalla sua prima alla seconda rappresentazione, guadagna un'altra torcia nella mano destra nella sua terza rappresentazione, che è sostituita da un'ascia nel suo quarto.

Allo stesso tempo, il serpente d'acqua (che forma un recinto acquoso con il suo corpo), mentre cambia i segni del corpo e il segno o la creatura immediatamente sopra la sua testa, mantiene il numero '18' al suo centro.

Esposto nel Gran Museo del Mundo Maya, Merida.

J_Chaahk 5

Rappresentazioni di Maya Chaahk che trasportano il movimento nel Codice Postclassico di Dresda in tre fasi: la tripletta di Chaahk viene mostrata sollevando gradualmente un'ascia sopra la testa della divinità.

Animazione estratta e adattata da www.famsi.org/mayawriting/codices/dresden.html, pag. 32.

J_Chaahk 6

Vaso policromo Maya d'epoca classica che anima Chaahk per eseguire un movimento a dondolo.

La divinità siede a gambe incrociate, appoggiata a un grosso fascio contenente punti neri, mentre incrocia le braccia sul petto. Mostra la vernice rossa del corpo che corrisponde alle pergamene rosse emesse dalle sue zampe di giaguaro e dal retro del copricapo. Chaahk indossa i capelli con il tipico nodo alto e presenta un orecchio di giaguaro maculato e un singolo dente centrale.

Girandosi, Chaahk spinge il busto in avanti mentre abbassa leggermente la testa, cosa che lo fa non appoggiare più al fagotto posto immediatamente dietro di lui. Contemporaneamente, le estremità del perizoma di Chaahk volano in avanti ei tre ovali impilati verticalmente all'estremità del suo copricapo cambiano in una disposizione verticale che dà l'impressione di una crescita esterna; inoltre, la rotazione del vaso ha incoraggiato il fascio a crescere verso l'alto, le sue sei grandi macchie ora ordinatamente disposte in due file verticali, e ha anche prodotto un fascio piumato o grande fiore che discende dal bordo del vaso fino a toccare la sommità di Chaahk cravatta a nodo. 

Sul vaso originale Chaahk siede su una larga fascia sopra un cartiglio di quinconce che si alterna con tre pietre temporali per formare un concetto mnemonico di Maya in tre parti che guida il movimento rotatorio trasformando la ceramica e l'animazione di Chaahk; simultaneamente, il cartiglio di quinconce ricorda allo spettatore il movimento del tempo che ruota ruotando verso tutte le regioni della visione del mondo strutturale Maya, che vedono divise in quattro parti disposte attorno a un centro.

Animazione estratta e adattata da Kerr 2000: 952, K5978. 

K'awiil

J_K'awiil 1

Dettagli di un vaso Maya del periodo classico, che, quando ruotato nelle mani dello spettatore, anima K'awiil per allungare la mano sinistra in avanti per sovrapporla al grande bagliore sulla fronte che esce dalla sua fronte.

Animazione estratta e adattata da Robicsek e Hales 1981: 164, nave 135.

J_K'awiil 2

Particolari di un vaso Maya policromo d'epoca classica che anima K'awiil, ruotando il vaso, per abbassare il braccio destro e la mano serrata.

Allo stesso tempo, il movimento in avanti del busto di K'awiil costringe le grandi pergamene emesse dal suo bagliore sulla fronte a toccare un pannello, o forse uno specchio, raffigurato sul vaso originale, mostrando una singola fila verticale di glifi che cambiano da una rappresentazione al prossimo. Trei gruppi -dot segnano le insegne della divinità e i rotoli del chiarore della testa per attirare l'attenzione sul concetto Maya di tre-part time che facilita il movimento rappresentato.

Animazione estratta e adattata da Kerr 1992: 454, file n. 4020. 

J_K'awiil 3

Dettagli di un vaso Maya policromo del periodo classico che anima K'awiil per muovere le dita in avanti facendo crescere i suoi rotoli flare. La divinità è rappresentata due volte all'interno di un cartiglio formato dal suo rotolo di bagliore sulla fronte che viene mostrato emanando dal simbolo dello specchio "lucido" o "riflettente" che segna la sua fronte. L'unico movimento presente è quello delle dita della mano sinistra e la crescita del suo rotolo svasato, evidenziando il loro significato simbolico. Ancora una volta, numerosi trei cluster -dot allineano i rotoli di chiarore di K'awiil per segnalare la nozione Maya f tre-part time che guida la loro crescita.

Animazione estratta e adattata da Kerr 1992: 374, file n. 2970. 

J_K'awiil 4

Questo vaso Maya policromo in stile classico prevalentemente rosso anima K'awiil, ruotando la nave, per offrire un grande fascio rosso, che inizialmente tiene vicino al suo petto.

Allo stesso tempo, il corpo di K'awiil si gonfia e diventa rosso per abbinarsi al colore del fascio e al suo grande bagliore rosso sulla fronte che si posa sopra il fascio, come se si nutrisse di esso; K'awiil preme anche il suo lungo naso contro il suo bagliore rosso sulla fronte, probabilmente per assorbire il "rosso".

multiplo tregrappoli rossi segnano il chiarore di K'awiil, le piume degli abiti e del copricapo per segnalare il potere trasformativo di tre-part time e la sua crescita alimentata dal fascio di tempo rosso che detiene. In questo esempio, l'artista ha usato il colore (rosso) per evidenziare il cambiamento influenzato dal tempo. Vedi Kerr 2000: 940, per una riproduzione a colori di questo vaso.

Animazione estratta e adattata da Kerr 2000: 940, file n. 5794. 

Dettagli della testa di K'awiil animati per muoversi.

J_K'awiil 5

Particolari di vaso cilindrico policromo del periodo classico che raffigurano tre volte la testa di K'awiil; ogni rappresentazione rivela una leggera variazione di posizione che, ruotando il vaso nelle mani dello spettatore, dà vita alla divinità.

Animazione estratta e adattata da https://www.metmuseum.org/art/collection/search/319633, giugno 2019. Per gentile concessione del Metropolitan Museum of Art; regalo anonimo, 2005.

Ux Yop Huun

J_Ux Yop Huun 1

Dettagli di una rappresentazione Maya Ux Yop Huun del periodo classico su un vaso inciso in stile Cholola proveniente dal vicino Xcalumkin, Messico); nota la spinta verso l'alto delle mani che incoraggia l'ascesa e la crescita della divinità. Opulente pannocchie di mais spuntano da entrambi i lati della testa di Ux Yop Huun per evidenziare il suo ruolo di incoraggiare la crescita verso l'alto. I tre elementi rotanti si riferiscono al movimento rotatorio di Maya che guida il rinnovamento ciclico in tre parti.

Animazione estratta e adattata da Kerr 1990: 318, file n. 4547.