Trasformazione

J_Transformation 1

Dettagli di un vaso Maya del periodo classico che anima la trasformazione di Itzamnaaj in un cervo per avere rapporti con una donna. La scena inizia con la vecchia divinità protesa ad accarezzare i seni della donna. Voltandosi, la ceramica mostra la vecchia divinità trasformata in cervo che si avvicina alla donna ormai nuda. Nella mitologia Maya, una storia descrive le donne che hanno ricevuto i loro genitali da un cervo che le prendeva a calci tra le gambe, lasciando così la loro vagina a forma di impronta di zoccolo (Thompson 1939, 1990 [1970]: 363-370; vedi anche Looper 2019: 73-94 per una discussione sul rapporto intimo visto tra donna e cervo tra i Maya).

La scena potrebbe anche collegarsi ai miti Maya che circondano il vecchio dio del sole che si accoppia con la luna dopo essersi trasformato in un cervo (Thompson 1990 [1970]: 363-370). Il rapporto sessuale tra le due figure è implicato dagli scarsi vestiti della vecchia divinità e dal graduale aumento dello stato di svestizione della donna, nella sua seconda rappresentazione, che apre invitante la sua veste per ricevere il cervo. La metamorfosi della vecchia divinità nel cervo è implicita nel fatto che il cervo - che indossa ancora la collana della vecchia divinità - abbia sostituito il vecchio nella sua ricerca di accoppiamento con la donna. Inoltre, i tre lacci della divinità e le possibili linee del respiro che fuoriescono dal suo naso replicano i tre rami di corna e il muso del cervo; inoltre, grandi elementi simili ad ali che fuoriescono da sotto le braccia della vecchia divinità suggeriscono l'inizio della forma delle orecchie sovradimensionate del cervo.

Animazione estratta e adattata da Robicsek e Hales 1981: 170, nave 140. 

J_Transformation 2

Vaso Maya d'epoca classica che anima la trasformazione espressiva di una bestia giaguaro che, girando il vaso, si lancia in avanti verso il ruggito. Allo stesso tempo, la sciarpa e il perizoma indossati dalla bestia oscillano in avanti per adattarsi al suo movimento, mentre la pergamena del copricapo della bestia si allarga e la sua coda mostra una pergamena biforcata simile alla ruggente bestia di giaguaro in J_Chama 2 (vedi Siti archeologici / Chama).

In questi casi, la rotazione dei vasi attiva così il suono prodotto dalle bestie; ciò suggerisce che i Maya associarono strettamente il movimento con il passare del tempo e del suono.

Animazione estratta e adattata da Kerr 1992: 431, file no 3812.

J_Transformation 3

Dettagli di un vaso policromo d'epoca classica che rivela la progressiva metamorfosi di una creatura dalla testa di giaguaro in una divinità scheletrica mentre la creatura fa tre passi attorno alle navi. La danza della figura induce la sua trasformazione.

Animazione estratta e adattata da Schele e Miller 1986: 292, piastra 109.

J_Transformation 4

Particolari di un vaso Maya d'epoca classica che anima la trasformazione di un essere umano in un soprannaturale e la lancia di un serpente. Il vaso finemente inciso descrive la figura seduta su una canoa che galleggia su simboli d'acqua impilati, mentre, una volta trasformata, la figura grottesca indossa un uccello acquatico sopra il suo copricapo. Il rettile a lancia si trasforma da un serpente a spirale in una versione scheletrica più grande.

Animazione estratta e adattata da Kerr 1989: 79, file n. 1391. 

J_Transformation 5

Dettagli di un vaso Maya policromo d'epoca classica che anima la trasformazione di una bestia di giaguaro che cammina dritta. Girando il vaso, l'orecchio a forma di conchiglia della bestia cresce e mentre le corna della sua prima e seconda rappresentazione scompaiono, nella terza rappresentazione, il suo muso si allunga e le sue zanne si trasformano in zanne. La bestia indossa una sciarpa rosso brillante che collega le sue tre rappresentazioni. Allo stesso tempo, le tre raffigurazioni della stessa figura animano il sollevamento e l'abbassamento delle zampe della bestia. Inoltre, i grappoli a tre punti che segnano le braccia e le gambe ricordano allo spettatore la struttura triadica del tempo che guida la trasformazione.

Animazione estratta e adattata da Kerr 1989: 115, file n. 1835. 

Dettagli del vaso che animano una figura seduta per sollevare una tazza bevente alla bocca e trasformarla in una creatura dal becco.

J_Transformation 6

Dettagli di una tazza bevente Maya del periodo classico che a rotazione anima una figura seduta per consumare e ingerire quello che è probabilmente un liquido inebriante da una tazza che solleva in bocca, trasformandolo in un soprannaturale dal becco.

Animazione estratta e adattata da Wichmann e Nielson 2016: 298, fig. 11.7

J_Transformation 7

Dettagli di un vaso Maya del periodo classico, che a rotazione nelle mani dello spettatore, visualizza la trasformazione della divinità Itzamnaaj nella divinità Principal Bird, aiutata da un probabile Chaahk.

Vaso policromo Maya di epoca classica prevalentemente rosso, che rivela, a rotazione, la trasformazione di Itzamnaaj in Divinità principale dell'uccello, aiutata da una figura inginocchiata, che probabilmente rappresenta una manifestazione di Chaahk. Entrambe le raffigurazioni di Itzamnaaj - il suo essere umano , che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana personaggio di un uccello - mostra gli occhi identici con le pupille quadrate e indossa la stessa collana e lo stesso copricapo; le piume del copricapo, ruotate, si sono trasformate in quelle delle ali e della coda dell'uccello.

L'altra figura mostra labbra allungate e increspate, il cui probabile fischio aiutava probabilmente la trasformazione della divinità. Contemporaneamente, questa figura adotta una posizione seduta e apre le braccia incrociate per estenderle verso l'apparizione aviaria, come se stesse sostenendo il volo dell'uccello.

Sul vaso originale, le due scene sono separate da due bande verticali, ciascuna contenente tre Time Head Stones impilate. Le teste rivelano una leggera variazione nei loro segni, sebbene ciascuno mostri segni "lucidi" o "riflettenti" sullo specchio legati al Dio del Tempo K'awiil nel suo ruolo di consentire la nascita, in questo caso della creatura aviaria, dalla superficie riflettente dell'acqua (vedi Maya Gods of Time). La ripetizione triadica delle teste di pietra, inoltre, evidenzia la nozione Maya di tre-part time che guida la trasformazione della divinità; inoltre, ogni pannello figure contiene anche quelli che sembrano tre ovali rossi sbavati. 

Animazione estratta e adattata da Kerr 2000: 1010, file no 7821.

J_Transformation 8

Particolari di un vaso a treppiede inciso dei primi classici, che, ruotando tra le mani dello spettatore, ancora una volta [vedi 7 sopra], anima la trasformazione della divinità Itzamnaaj nella divinità principale dell'uccello. Entrambe le manifestazioni della divinità rivelano lo stesso occhio a pupilla quadrata, mentre la sua forma accovacciata mostra piume estremamente lunghe attaccate alla parte posteriore del copricapo che nella sua manifestazione aviaria formano piume d'ala, ora distese e pronte a volare.

La metamorfosi è aiutata dai tre supporti del vaso, che, sul vaso originale, inoltre, mostrano tre triangoli per formare un concetto mnemonico di Maya in tre parti che guida la trasformazione della divinità. 

Il nostro rilevamento di due vasi che mostrano la stessa trasformazione [7 sopra e 8], sbloccati attraverso la loro rotazione, conferma che questi due esseri, Itzamnaaj e la divinità Principal Bird, rappresentano uno stesso essere che può assumere diverse forme.

Animazione estratta e adattata da Kerr 1992: 445, file no 3863.


Dettagli di un uccello animato per girare.

J_Transformation 9

Dettagli di un vaso del periodo classico che mostra l'accoppiamento della Dea della Luna e del Sole che assume la forma di un cervo. Quando il vaso viene girato, la Dea della Luna sviluppa un grande orecchio di cervo, quindi si trasforma nel cervo su cui siede una femmina seminuda. Successivamente, viene mostrata mentre abbraccia o cattura il cervo per mostrare il suo inter-essere con il sole.

Tre uccelli raffigurati sotto il trono che sostiene la figura femminile seduta sono animati per cambiare la loro posizione, girando da fronte a sinistra, quindi dritto in avanti, a destra.

Animazioni estratte e adattate da Robicsek et al. 1981: 20, nave 15.