Temi animati

'Legare insieme le stringhe è un'unione, connettersi alle persone è un'unione e lo scorrere del tempo è un'unione. Queste sono tutte parti del potere degli dei, le corde intrecciate che creiamo sono legate a ciò - un'abilità del dio - rappresentano il flusso del tempo stesso, si assemblano e prendono forma, si torcono, si aggrovigliano, si dipanano di tanto in tanto rompi e riconnetti, ecco cos'è un'unione

(estratto dal film d'animazione Il suo nome; Shinkai et al. 2016).

Animazioni centroamericane

[3] Princeton 3D Vaso 3. Girando la ceramica Maya si sblocca l'animazione incorporata nelle loro immagini. Il movimento di rotazione di questa tazza da bere in alabastro tardo classico anima il sovrano copan Yax Pax per passare dalla posizione in posizione profilo a quella rivolta verso lo spettatore (vedi anche Temi animati / Modifica posizione).

Bicchiere in pietra tardiva classica, AD 763-820, travertino; h. 16.3 cm., Diam. 15.4 cm. (6 7 / 16 x 6 1 / 16 in.); dono anonimo in onore della Classe di 2004; 2002-370. Per gentile concessione del Princeton University Art Museum.

Girando la ceramica Maya, o camminando tra la loro arte monumentale, si attivano animazioni antiche. Permette alle opere d'arte di materializzarsi in qualcosa di più grande di un singolo filo. Come spettatore, devi compilare l'invisibile e, poiché il concetto non è visibile, l'attivazione dell'animazione richiede credenza e fede. Qui, presentiamo copie disegnate a mano di antiche animazioni che forniscono una finestra su un mondo antico. Le animazioni rilevate equivalgono a trovare una scatola piena di ritagli di bobine di film antichi, dare energia agli studi Maya e elevare queste antiche opere d'arte a un altro livello, profondamente filosofico. Come tali, formano fili che un tempo erano intessuti nella filosofia Maya, corde ombelicali del passato.

Molte di queste opere d'arte devono essere state create utilizzando modelli che sono stati misurati e quindi modificati leggermente per consentire la più piccola rappresentazione del movimento (ad esempio, vedere Naranjo [1]). Il trucco è cercare ciò che è diverso tra le immagini. Possiamo immaginare come le persone devono essersi divertite a girare la ceramica, avanti e indietro, come facciamo ancora, provando soddisfazione quando osserviamo l'animazione; forse anche godendo le discussioni condivise con gli altri sull'abilità degli artisti, elevando il tridimensionale nella quarta dimensione incorporando il tempo nel loro lavoro.

Il riconoscimento del movimento reso nell'arte Maya non è del tutto nuovo. Una manciata di animazioni sono state notate in modo indipendente da altri, sebbene non attirino l'attenzione su come le opere d'arte devono essere gestite per essere lette correttamente. Mary E. Miller (1988: 321) ha notato le implicazioni dell'animazione incorporata nella rappresentazione dei suonatori di sonagli dipinti nella stanza murale orientale di Bonampak Structure 1. Brian Just (2012: 180) ha notato tre insegne, pose, prossimità e sovrapposizione fisiche di tre ballerini che esprimono il movimento circolare della danza con il tempo su un vaso dipinto dall'artista Maya noto come il Maestro dei Glifi rosa (vedi sotto, J_Dancing 1].

J_Dancing 1. Particolari di un vaso policromo tardo classico, che, a rotazione, anima il movimento di una danza reale, dove lo spettacolo si svolge in tre fasi, a seguito della rotazione della nave. Il vaso, dipinto dall'artista Maya noto come il Maestro dei Glifi rosa, mostra il signore Yajawte 'K'ihnich seduto su un trono di giaguaro, sollevato in alto su una struttura a gradini per consentire la sua sorveglianza della danza. Animazione estratta e adattata da Schele e Miller 1986: 205, piastra 71.

E sia il prof Norman Hammond - nella sua recensione del nostro libro per il Supplemento letterario del Times (vedi Notizie / Recensioni) - sia il dott. Peter Matthews (comunicazione personale, dicembre 2018) sottolineano che il nostro lavoro si espande su quello dei ricercatori scandinavi Soeren Wichman e Jesper Nielsen, i cui saggi, intitolato Accoppiamento sequenziale di testi e immagini tra i Maya classici (2016) e I primi fumetti d'America? Tecniche, contenuti e funzioni dell'associazione sequenziale testo-immagine nel periodo Maya classico (2000), studia la presenza della narrazione visiva nell'arte Maya come "accoppiamento sequenziale di testi e immagini".

Ad esempio, Wichman e Nielson notano un'animazione implicita su una ceramica Maya che raffigura il pellet di un fucile da caccia che colpisce e uccide un uccello (vedi Temi animati / J_Hunting 1; Wichmann e Nielson 2016: 293, fig. 11.4). Tuttavia, nonostante l'eccellenza del loro lavoro, non fanno il balzo della "mossa del cavaliere" per riconoscere che in Maya il tempo era uguale alla trasformazione - il tempo è cambiato - e che diverse rappresentazioni individuali raffigurano la stessa figura, mostrata in fase di trasformazione in fasi in "immagini fisse" separate. Un altro esempio discusso dagli autori riguarda una ceramica che mostra tre figure sedute che bevono da grandi tazze (vedi Wichmann e Nielson 2016: 298, fig. 11.7), che, piuttosto che raffigurare tre diversi individui, come suggeriscono gli autori, in realtà rappresenta lo stesso figura - chi al consumo di un liquido probabilmente inebriante - subisce una trasformazione nel tempo (vedi J_Transformation 5).

J_Transformation 5. Particolari di un vaso Maya d'epoca classica, che, ruotando tra le mani dello spettatore, anima una figura seduta per sollevare una tazza bevente alla bocca e trasformarla in una creatura dal becco. Animazione estratta e adattata da Wichmann e Nielson 2016: 298, fig. 11.7

In un altro esempio, quando discutono di un vaso che mostra tre creature fantastiche (vedi Wichmann e Nielson 2016: 302, fig. 11.12), gli autori interpretano queste come creature diverse, mentre leggiamo le loro rappresentazioni come mostrando il movimento o l'animazione e la trasformazione di un essere , registrato passo dopo passo; questa sequenza è simile a una ceramica che abbiamo rilevato che mostra la trasformazione e il movimento di una bestia giaguaro [vedi sotto, J_Transformtion 4]. Ciò inietta un ulteriore livello di dinamismo nelle opere d'arte Maya.

J_Transformation 4. Dettagli di un vaso Maya policromo d'epoca classica che anima la trasformazione di una bestia di giaguaro che cammina dritta. Animazione estratta e adattata da Kerr 1989: 115, file n. 1835.

La novità del nostro lavoro è che riveliamo una chiave che porta alla luce centinaia di animazioni su ceramiche Maya e dozzine di animazioni che possono ancora essere trovate nei siti archeologici Maya. Per sbloccare queste animazioni dobbiamo vedere che:

Il tempo era associato al numero tre

Il tempo era associato alla trasformazione

Il tempo era visto come circolare nel pensiero Maya

La nostra ricerca ha dimostrato che i Maya incorporavano l'animazione nelle loro opere d'arte come pratica standard; non solo su ceramiche dipinte, ma dando vita ai loro soggetti anche all'interno dei loro programmi murali e scolpite nella pietra su architravi, stele e pannelli. La chiave è accettare che per "tempo" Maya significava "cambiamento" e che il numero "3" era simbolicamente collegato al tempo. Di conseguenza, figure ripetute, ad esempio, di sovrani, uccelli o dei, non rappresentano individui diversi, ma mostrano invece la trasformazione di una individuo nelle fasi successive. Come spettatore, il nostro ruolo è quello di colmare le lacune, il movimento invisibile tra ogni "fermo" catturato.

Inoltre, dobbiamo riconoscere che il nostro movimento lungo opere monumentali attiverà le copiose animazioni Maya, precedentemente non riconosciute; spostandoci lungo i murali, i pannelli esposti lungo gli esterni delle strutture, chinandoci tra gli architravi a sostegno degli ingressi negli edifici o camminando tra i gruppi di stele, diventiamo la chiave per attivare il loro contenuto.

Il nostro sito web ha lo scopo di mostrare i numerosi esempi di animazione Maya che abbiamo scoperto, sperando di continuare ad aggiungerne di nuovi man mano che noi - e altri - li incontriamo. In quanto tali, speriamo di fornire uno strumento su come leggere l'arte Maya che i visitatori della Mesoamerica possono usare nei loro viaggi, portando così in vita la loro esperienza dei siti Maya e la loro antica filosofia! Abbiamo raggruppato le animazioni in base al loro tipo (ad esempio Ceramica, Murales, Architravi, Stele, Pannelli) e nei paesi moderni da cui hanno avuto origine (ad esempio Belize, Messico, Guatemala) nella sezione Siti archeologici; oppure, quando il contesto delle opere d'arte è sconosciuto - come spesso accade - abbiamo raggruppato le animazioni in base al loro contenuto simbolico in questa sezione Temi animati (ad es. Scribi / Artisti, Gesti delle mani, Danza, Caccia).

Speriamo che apprezzerai le animazioni che presentiamo qui e che tu possa portare alla nostra attenzione tutte le nuove che trovi nel tuo viaggio alla scoperta di Maya, in modo da poterle aggiungere al sito!